Ancona “orfana” del cinema Mister Oz ne celebra il funerale

Avanza una bara in corso Garibaldi e lo struscio del sabato diventa lutto per il funerale del Mister Oz. Come annunciato, sabato 12 circa un centinaio di persone ha partecipato al “funeral flash mob”, la manifestazione organizzata dal regista Juri Cerusico e lanciata a tam tam su Facebook, per protestare contro la chiusura del multisala del quartiere Adriatico.

Tra i partecipanti anche il comico Niba, oltre ai Mondaini, gestori dell’Oz ancora impegnati nel braccio di ferro, alla base della vicenda, con la Clemi Cinematografica proprietaria della struttura. Prete e chierichetto in testa, bara (contenente pellicole anziché spoglie) portata a spalla, prefiche singhiozzanti e urlanti, codazzo di persone vestite di nero o mascherate.

Il breviario del prete è un Mereghetti. “Stanley Kubrick” e tutti “Ora pro nobis”. “Luigi Comencini”, “Ora pro nobis”. Funerale laico che si conclude, nello stupore generale in piazza Roma con il “flash mob”. Al segnale tutti fermi, immobili, congelati. Per cinque. In silenzio, anche il centro sembra arrestarsi. “E’ stato tutto decisamente inaspettato – dice Fausto Mondaini, gestore dell’Oz – e non immaginavo che il nostro modo di fare cinema ad Ancona potesse creare tanto riconoscimento da parte della gente”.

Informazioni su marcocatalani

giornalista
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...